notizie on line di Frosinone e provincia

Archivio per settembre, 2009

Bellissimo pareggio col Torino.

SNV16774

Al termine di una splendida partita Frosinone e Torino pareggiano 2-2 al Matusa ed il risultato è giusto per quello che si è visto in campo. Le due squadre si sono affrontate a viso aperto creando numerose occasioni da rete e cercando di superarsi fino alla fine. Ma veniamo subito alla cronaca. In una splendida cornice di pubblico e agli ordini del signor Giannoccaro di Lecce, il Frosinone si presenta con la sola novità del rientro di Santoruvo in attacco. La partita è subito bella e gli uomini di Moriero attaccano con decisione costringendo il Torino di Colantuono sulla  difensiva: Al 10′ punizione di Calil dal limite fuori di poco ;13′ Gucher da fuori, respinge Sereni. Al 15′ si vede il Torino: cross di Leon dalla sinistra e testa di Bianchi con grande risposta di Sicignano. Al 22′ Troianiello per Santoruvo il cui diagonale è deviato in angolo da Pratali, al 25′ il Torino passa in vantaggio: lancio di Pisano in area per Leon con Sicignano in netto anticipo che si accinge ad una comoda parata a terra ma il portiere perde inopinatamente la sfera e Leon mette in rete a porta vuota. Il Frosinone reagisce e al 27′  Gucher dal limite spedisce di poco a lato; al 31′ ci prova Basha dal limite e Sereni devia in angolo. Insiste il Frosinone e al 38′ Troianiello supera Pisano e sull’uscita di Sereni mette al centro con Ogbonna che anticipa di un soffio Santoruvo salvando in angolo. Al 41′ viene ammonito nel Torino Vantaggiato e al 44′ Troianiello in isolata azione di contropiede impegna ancora Sereni in angolo. Al 45′ Bianchi supera di forza Maietta e sull’uscita di Sicignano colpisce la traversa. Si chiude qui un primo tempo in cui il Frosinone per gioco e occcasioni avrebbe senz’altro meritato il pareggio. La ripresa inizia con un Frosinone subito arrembante alla ricerca del pareggio a cui perviene al 2′ Troianiello imprendibile per la difesa torinese, si invola sulla destra entra in area e in diagonale batte Sereni. Il Torino sbanda e al 4′ un grande Sereni si oppone in angolo ad una grande conclusione da fuori di Maietta. Al 6′ Colantuono sostituisce Loviso con Bottone ed il Torino inizia a crescere. 8′ Vantaggiato dal limite, alto;  10′ cross di Leon e Bianchi manca di un soffio la deviazione vincente. All’11’ Moriero sostituisce uno spento Calil con Cariello e al 15′ Gasbarroni nel Torino prende il posto di Vantaggiato. Il Torino attacca con più decisione e al 18′ per un fallo in area di Scarlato su Gasbarroni, l’arbitro Giannoccaro concede il rigore. Si incarica della trasformazione Bianchi che però manda sul palo alla sinistra di Sicignano. Al 22′ entra Tavares per Santoruvo ma al 27′ il Torino raddoppia: Leon per Bianchi  che in rapida giravolta batte con un preciso diagonale Sicignano, facendosi perdonare il precedente errore dal dischetto. Al 29′ ancora Bianchi in contropiede spedisce fuori dal limite. Il Torino sembra padrone della partita ma il Frosinone incitato dal suo splendido pubblico trova la forza di reagire. Al 31′ splendida azione personale di Gucher e gran destro dal limite che un magnifico Sereni vola a deviare in angolo. Al 32′ Aurelio prende il posto di Troianiello e al 35′ è proprio il nuovo entrato su perfetto assist di Del Prete che dalla destra fulmina in rete per il meritatissimo 2-2 facendo esplodere il Matusa. Al 38′ nel Torino Rubin prende il posto di Pisanu e al 45′ il Frosinone manca di un soffio il goal del vantaggio: vi è una plendida azione di Del Prete che parte dalla propria area di rigore e, dopo aver attraversato tutto il campo, serve al centro uno splendido pallone per Basso, ma ancora Sereni devia in angolo, negando la vittoria al Frosinone . La partita termina qui ed il pareggio è  giusto perchè a un Frosinone senz’altro superiore nel primo tempo ha risposto nella ripresa un Torino molto incisivo che ha creato diverse occasioni. Nel Frosinone è apparso in ombra Calil mentre tra i migliori vanno segnalati Troianiello, Del Prete e il giovane Gucher. Nel Torino da segnalare le prestazioni del portiere Sereni, di Leon e del bomber Bianchi, che errrore dal dischetto a parte, è stato un pericolo costante per la difesa canarina. Ottimo l’arbitraggio di Giannoccaro e al termine di una magnifica giornata di sport, da stasera il Frosinone è solo in testa alla classifica ed i suoi magnifici tifosi continuano a sognare.

SNV16765SNV16768

Frosinone-Torino.

 

 

frosinonetorino 

 

Campionato di calcio serie B: 7° giornata, stadio Matusa, ore 15,30: Frosinone-Torino. Arbitra: Giannoccaro di Lecce. Assistenti: Marzaloni, Galloni . IV uomo: Del Giovane. I convocati del Frosinone: portieri: Sicignano, Frattali. Difensori: Bocchetti, Del Prete, Ascoli, Scarlato, Guidi, Maietta, Semenzato. Centrocampisti:  Basha, Gucher, Carriello, Bolzoni. Attaccanti: Aurelio,  Calil, Jefferson, Mazzeo, Santoruvo, Tavares. Allenatore: Francesco Moriero. Probabile formazione: Sicignano, Del Pete, Bocchetti, Scarlato, Maietta, Basha, Gucher, Basso, Calil, Santoruvo, Troianello. I convocati del Torino: portieri: Sereni, Calderoni. Difensori: Pisano, Ogbonna, Rivalta, Pratali,Rubin. Centrocampisti:  Bottone, Coppola, Gorobsov, Loviso, Diana, Zanetti, Belingheri, Vailatti. Attaccanti:  Bianchi, Gasbarroni, Vantaggiato, Leon. Allenatore: Stefano Colantuono. Probabile formazione: Sereni, Rivalta, Pratali, Ogbonna, Rubin; Loviso, Diana, Zanetti, Bianchi, Gasbarroni, Vantaggiato. Il Frosinone ha svolto la consueta rifinitura  al Casaleno alle 15,30 ed è andato in ritiro presso l’Hotel Bassetto di Ferentino. Il Frosinone ha vinto con la Reggina per 2-0, il Torino ha perso in casa con il Padova per 0-1.
moriero

L’allenatore del Frosinone Francesco Moriero ha detto:  “Il Torino di Colantuono verrà a Frosinone per vincere, la partita sarà dura, noi dobbiamo giocare come contro la Reggina e dobbiamo giocarcela come facciamo sempre”.

Prima di partire per Frosinone, il tecnico Stefano Colantuono ha detto: “Il Frosinone è una buona squadra, ed il fatto di essere al primo posto lo dimostra. Non hanno l’assillo di vincere per forza, e questo può essere un vantaggio per loro. Noi però, al di là dell’avversario, dobbiamo essere in grado di giocare bene e di ridurre la “forbice” degli errori.
L’assenza di Di Michele è chiaramente importante, ma se vogliamo crescere dobbiamo superare il problema delle squalifiche e degli infortuni, perchè durante un’intera stagione sarà la normalità”.
colantuono

A Frosinone il Tour del risveglio di Mulino Bianco.

Il Mulino arriverà a Frosinone da venerdì 25 fino a domenica 27 settembre in Piazza Falcone-Borsellino (fronte Villa Comunale), per far riscoprire le tradizioni e i valori dell’italianità a tavola e per dare il risveglio agli abitanti di Frosinone. Perché svegliarsi all’italiana, significa iniziare la giornata in modo sano, equilibrato e piacevole dal punto di vista nutrizionale ed affettivo. Il Tour del Risveglio toccherà le piazze delle province italiane per due anni.

Per il 36% degli italiani il primo desiderio al risveglio è mangiare. (il 38% degli abitanti del Centro)

Fare colazione è il modo di iniziare la giornata che affonda le radici in tradizioni sociali e riti quotidiani che accompagnano il risveglio degli italiani, l’88% dei quali fa colazione abitualmente a casa. Il 63% degli abitanti del centro fa colazione da solo: eppure il risveglio qui risulta fra i più allegri (il 31% degli intervistati dichiara di trovare un’atmosfera allegra quando si sveglia). Le 7:46 è l’orario medio in cui l’Italia fa colazione: i più mattinieri sono i 35-44enni che la fanno prima delle 7.00; i più dormiglioni i 18-24enni e il Centro-Sud dopo le 8.00. Sebbene il tempo medio dedicato a questo appuntamento sia solo di 10 minuti, nel nostro Paese la colazione all’italiana è un rito carico di implicazioni sociali e psicologiche. Nella stragrande maggioranza dei casi (84%) gli italiani consumano sia cibi solidi (per lo più dolci) sia bevande. Fra i cibi dolci si prediligono biscotti (65%), brioche e merendine (43%), ma anche fette biscottate (38%).

 “L’Italia al Risveglio”, è un progetto realizzato in collaborazione con Canon e Contrasto: si tratta di un percorso fotografico che attraversa l’Italia e che ha per protagonisti gli abitanti delle diverse regioni, immortalati a tavola al momento del risveglio. La foto del Lazio è stata realizzata da Marco Anelli e ritrae Federica Di Criscio, residente proprio in provincia di Frosinone.

dolci1

 

image004

 

Mulino_struttura_media

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Asterischi

23.09.09

* Fare continuamente domande, anche se di parte, è uno strumento della funzione correttiva dei media. Il diritto di informazione del pubblico include inevitabilmente il diritto dei media a fare domande. I dirigenti politici devono accettare un livello di critica più alto rispetto agli altri cittadini a causa delle funzioni che ricoprono” * (Miklos Haraszti, rappresentante dell’Osce per la libertà di stampa)

22.09.09

* I boschi guarivano malattie. Certe foglie, resine, gemme di mugo estratti di abete bianco, acero e altri estratti di piante, erano e sono medicine infallibili. Tenute, oggi, a debita distanza dalla farmaceutica chimica * (M. Corona, fonte: la Repubblica)

Lo sapevate che…

Le lampadine a super risparmio energetico.
Lampadine Panasonic EverLedLe ha presentate in Giappone la Panasonic e grazie ai Led offrono prestazioni da record.
Le “Everled” consumano un ottavo rispetto alle lampadine a incandescenza (le fluorescenti arrivano a un quinto) e hanno una vita media di 19 anni (circa 20mila ore).
Hanno forma e attacchi tradizionali, non contengono mercurio e non necessitano di particolari sistemi di smaltimento.
Costano 30 euro l’una, ma si ripagano da sole.
(Fonte: yeslife.it)

SERATA MAGICA. VITTORIA E PRIMATO.

Foto0171

Il Frosinone  supera per 2-0 al Matusa la Reggina e in concomitanza della sconfitta interna del Torino riconquista, in coabitazione con il Brescia, il primato in classifica. La squadra ciociara ha immediatamente cancellato l’opaca prestazione di Empoli con questa convincente e meritata vittoria sulla squadra calabrese di mister Novellino che è pur sempre una delle candidate al successo nel torneo cadetto. Il Frosinone si presenta con tre novità rispetto ad Empoli: vi sono il rientro di Del Prete in difesa, l’inserimento a centrocampo del giovane Gucher al posto di Biso e in avanti Jefferson per l’infortunato Santoruvo. Il primo tempo, anche se giocato a buon ritmo, è avaro di emozioni con le due squadre che si controllano e con le occasioni da rete che scarseggiano. Poco da registrare se si escludono una incursione al 7′ di Del Prete contenuto in angolo dalla difesa reggina, un tiro dal limite di Basha al 37′  ben parato e una conclusione dal limite al 46′ di Pagano per gli amaranto, oggi in maglia bianca, alta di poco. Nella ripresa la prima conclusione è del Frosinone che al terzo con Gucher impegna il portiere Cassano in una parata in due tempi. Al 7′ Moriero sostituisce Jefferson con Tavares e al 10′ viene ammonito Lanzaro dopo che nel primo tempo la stessa sorte avevano subito Volpi per la Reggina e Troianiello per i padroni di casa. Al 12′ su cross dalla destra di Cacia, Bonazzoli conclude debolmente di destra e sul capovolgimento di fronte il Frosinone passa in vantaggio. Troianiello sfrutta  una indecisione della difesa avversaria sulla trequarti, conquista il pallone  e si invola verso la porta e, dopo aver resistito ad una carica, batte di sinistro il portiere Cassano in uscita facendo esplodere di gioia il Matusa. Al 17′ duro intervento di Lanzaro su Basso, seconda amonizione e conseguente espulsione del difensore reggino. Novellino sostituisce  Pagano con  Missiroli e nel Frosinone  Aurelio prende il posto di Troianiello che esce tra gli applausi. Il Frosinone è padrone del campo ben controllando la Reggina e ripartendo sempre con veloci azioni di rimessa. Al 34′ Missiroli conclude a lato dal limite ed un minuto dopo viene ammonito Gucher autore stasera di una bella prestazione. Al 36′ il Frosinone chiude i conti: botta dal limite di Tavares con corta respinta di Cassano e facile tapin vincente di Basha per il 2-0. La Reggina non c’ e più e i canarini sfiorano due volte la terza rete con le conclusioni di Basso e Tavares che escono di pochissimo. C’è ancora il tempo per l’ingresso di Bolzoni al posto di Gucher e un’ammonizione a  Buscè e poi l’apoteosi finale. Il Frosinone è tornato a vincere e convincere e sabato al Matusa scende il Torino per un incontro che si prospetta fin da ora affascinante.

Foto0172dalla sala stampa:

Walter Novellino, allenatore della Reggina:  “abbiamo fatto la miglior partita, ma abbiamo perso, dal gol sbagliato dei nostri , al gol fatto dal Frosinone, voglio la squadra più spigliata e deve fare più tiri in porta, il primo tempo è stato buono, ma nella ripresa siamo scesi di ritmo, è mancata molta l’assenza di Brienza che è un giocatore che ha qualità, però siamo sulla buona strada, ho visto una buona Reggina, ma deve migliorare e crescere”.

Francesco Moriero, allenatore del Frosinone: ” Un’ottima gara contro un’ottima squadra, nel primo tempo ci hanno chiuso gli spazi, poche sono state le ripartenze, siamo stati bravi e fortunati a credere nella palla che ci ha portato al primo gol; dopo il gol la Reggina non ci ha creduto più, Gucher ha fatto un’ottima gara, tutta a squadra si è mossa bene, specialmente nel secondo tempo; ad Empoli non abbiamo proprio giocato. L’entusiasmo non deve mancare, oggi c’è stato il riscatto di quella partita, ma già bisogna dimenticare questa per pensare al Torino. Sono soddisfatto dei ragazzi perchè lavorano con entusiamo, non dimentichiamoci che sono giovani e vanno incoraggiati come hanno fatto i ragazzi della curva che oggi sono stati fantastici”.

Gucher (Frosinone) :  “ho saputo di giocare dopo pranzo, quando il Mister mi ha detto se me la sentivo ho detto di si, che ero preparato a debuttare,  Empoli l’abbiamo cancellata subito dalla testa, il Mister ci infonde la mentalità vincente ed anche con il Torino ce la giocheremo”.

Basha (Frosinone):  “ad Empoli non c’eravamo con le gambe, con la Reggina nel 1° tempo siamo stati pressati molto alti e non ci facevano giocare, nel 2° tempo è andato meglio perchè la Reggina è calata di molto, specialmente dopo il gol. Sabato c’è il Torino e dobbiamo essere concentrati dal primo minuto”.

Foto0178

Brutta sconfitta ad Empoli

marianini

 

Il Frosinone conosce la prima sconfitta del campionato perdendo nettamente ad Empoli per 2-0. Il punteggio va anche stretto ai padroni di casa che avrebbero meritato senz’altro una vittoria più ampia. Il Frosinone è stato oggi irriconoscibile non riuscendo mai a sviluppare il proprio gioco e sbagliando con tutti i suoi uomini anche gli appoggi più elementari. La squadra è apparsa anche in un chiaro regresso di condizione fisica nei confronti di un Empoli senz’altro più pimpante. Veniamo alla cronaca. Nel Frosinone c’è la novità a destra  di Semenzato al posto dell’infortunato Del Prete , mentre nell’Empoli vi sono gli ex Antonazzo ed Eder. L’Empoli spinge subito e al primo vero affondo si porta in vantaggio con un’azione corale che Eder conclude smarcando in area Marianini che batte Sicignano. Il Frosinone cerca di reagire e al 12′ Santoruvo conclude fuori dal limite. Al 13′ su un cross da sinistra il portiere empolese Bassi respinge corto al limite dell’aria e Calil con un pallonetto manda alto di poco. La risposta dell’Empoli è micidiale  al 18′ quando su affondo di Musacci uno splendido velo di Eder libera Carelli in area ed il 2-0 è un gioco da ragazzi. Al 24′ e al 25′ due grandi parate di Sicignano rispettivamente su Marianini e Angella e al 41′ ancora Sicignano dice di no ad Antonazzo autore di una splendida percussione sulla destra. Da segnalare in  questo primo tempo anche le cinque ammonizioni rimediate dal Frosinone che dimostrano il grande  nervosismo che serpeggia nella squadra ciociara incapace di opporsi agli affondi empolesi che solo le parate di Sicignamo hanno in qualche modo arginato. Nel secondo tempo fuori Biso per Gucher ma il canovaccio della partita non cambia ed il Frosinone è incapace di pungere mentre l’Empoli comtrolla agevolmente. Moriero sostituisce Basso con Aurelio e Semenzato con Mazzeo ma nulla cambia , anzi è l’Empoli che si fa sempre minaccioso in contropiede e Sicignano è ancora decisivo al 33′ su Fabrini,  subentrato a Coralli e al 36′ sul capitano Vannucchi. La gara si trascina stancamente al termine e si chiude con la meritata vittoria dei padroni di casa contro un Frosinone che come già ampiamente detto è stato irriconoscibile. Nel grigiore generale da salvare solo le prestazioni di Sicignano e Maietta che hanno senz’altro evitato una goleada molto più pesante. Ottimo l’arbitraggio del signor De Marco di Chiavari.

ederbocchetti

 

 

 

 

.

Cloud dei tag