notizie on line di Frosinone e provincia

Archivio per 26 ottobre 2009

Ancona-Frosinone.

Il Frosinone subisce la seconda sconfitta in campionato venendo battuto per 3-1 ad Ancona. La vittoria dei padroni di casa è senz’altro meritata anche se gli uomini di Moriero non si sono mai arresi disputando una gara senz’altro generosa. Il Frosinone si presenta in campo con Guidi al posto dello squalificato Scarlato e Gucher che sostituisce Bolzoni a centrocampo. Arbitra l’internazionale Trefoloni di Siena. L’Ancona parte molto forte e al 2′ Colacone impegna Sicignano. Al 4′ Mastronunzio, ex terribile, viene fermato una prima volta da Sicignano e poi sulla ribattuta da Maietta che respinge sulla linea. Al 7′ splendida triangolazione tra Surraco e Colacone ed è Surraco che batte imparabilmente Sicignano. L’Ancona insiste e al 16 De Falco, solo in area, tira a colpo sicuro ma è ancora Maietta che salva sulla linea. Il Frosinone cerca di reagire e al 18′ su un insidioso cross di Troianiello salva il portiere Da Costa. Al 19′ annullata una rete di Santoruvo per fuorigioco. Al 22′ Colacone si presenta in area solo davanti a Sicignano che è bravissimo a respingerne la conclusione. Al 26′ cross di Bocchetti e testa di Santoruvo fuori. Al 27′ conclusione di Mazzeo dal limite deviata in angolo da un difensore. Al 32′ Troianiello da fuori alto di un soffio. Il Frosinone sta crescendo e al 34′ giunge il pareggio. Cross da sinistra, testa di Troianiello respinta del portiere Da Costa ma Del Prete recupera sulla linea di fondo rimette ancora in mezzo e Mazzeo sul secondo palo schiaccia in rete di testa. Al 37′ va via Mastronunzio e Guidi lo atterra rimediando anche l’ammonizione. Sulla susseguente punizione battuta da De Falco sbuca in area alle spalle dei difensori Miramontes e di testa raddoppia. Il Tempo si chiude praticamente qui con l’Ancona meritatamente in vantaggio per le maggiori occasioni create contro un Frosinone comunque dignitoso. Nel secondo tempo al 7′ Cariello prende il posto di Basso ed il Frosinone si getta generosamente in avanti alla ricerca del pareggio. Gli uomini di Moriero provano due volte le conclusioni dal limite ma i tiri di Basha e di Gugher sono facili preda del portiere Da Costa. Al 20′ un gran sinistro di Cariello dal limite è alto di un niente. La partita si fa sempre più spigolosa e fioccano le ammonizioni. Subiscono il giallo nell’Ancona Surraco e Zavagno e tra i canarini Maietta e Gucher. Moriero sostituisce Mazzeo con Jefferson e nell’Ancona entra Schiattarella per Miramontes e il nuovo entrato si presenta subito con un gran diagonale dal limite che termina di poco fuori. Al 30′ nel Frosinone Aurelio per Troianiello e nell’Ancona Mustacchio per Surrago. Al 36′ Mastronunzio si libera bene in area ed è bravo Sicignano a respingere di piede. Al 38′ fallo di Gucher che subisce la seconda ammonizione e viene espulso. Nella circostanza vengono anche ammoniti Cosenza e Sicignano spintonatisi nella mischia che si è accesa a centrocampo. Al 40′ ammonito anche Aurelio. Partita sempre più spigolosa ed il Frosinone si getta ancora in avanto alla ricerca del pareggio anche se in dieci uomini. Al 41′ splendida azione di Bocchetti che si libera di due avversari e mette al centro un pallone delizioso su cui si avventa Del Prete, ma il portiere Da costa è bravissimo nel respingere. Al 47′ in pieno recupero contropiede dell’Ancona con Mastronunzio che libera De Falco solo in area per la terza rete che chiude praticamente l’incontro. Al fischio finale di Trefoloni gesto di stizza di Cariello che lancia il pallone verso l’arbitro e viene espulso. Seconda sconfitta dunque per il Frosinone in campionato al termine di una partita che è stata molto bella nel primo tempo e solo combattuta e molto spezzettata nella ripresa. Gli uomini di Moriero hanno subito, soprattutto nei primi venti minuti le iniziative di Mastronunzio e Colacone ed il pressing spesso asfissiante dei padroni di casa che non hanno permesso a Basha e Gucher di ragionare e quindi di impostare il proprio gioco. La squadra si è poi piano piano ripresa ed ha meglio contrastato i padroni di casa che però tutto sommato hanno conquistato la vittoria dimostrandosi una compagine ben preparata che predilige il gioco offensivo e non è mai rinunciataria. Buono
osinone subisce la seconda sconfitta in campionato venendo battuto per 3-1 ad Ancona. La vittoria dei padroni di casa è senz’altro meritata anche se gli uomini di Moriero non si sono mai arresi disputando una gara senz’altro generosa. Il Frosinone si presenta in campo con Guidi al posto dello squalificato Scarlato e Gucher che sostituisce Bolzoni a centrocampo. Arbitra l’internazionale Trefoloni di Siena. L’Ancona parte molto forte e al 2′ Colacone impegna Sicignano. Al 4′ Mastronunzio, ex terribile, viene fermato una prima volta da Sicignano e poi sulla ribattuta da Maietta che respinge sulla linea. Al 7′ splendida triangolazione tra Surraco e Colacone ed è Surraco che batte imparabilmente Sicignano. L’Ancona insiste e al 16 De Falco, solo in area, tira a colpo sicuro ma è ancora Maietta che salva sulla linea. Il Frosinone cerca di reagire e al 18′ su un insidioso cross di Troianiello salva il portiere Da Costa. Al 19′ annullata una rete di Santoruvo per fuorigioco. Al 22′ Colacone si presenta in area solo davanti a Sicignano che è bravissimo a respingerne la conclusione. Al 26′ cross di Bocchetti e testa di Santoruvo fuori. Al 27′ conclusione di Mazzeo dal limite deviata in angolo da un difensore. Al 32′ Troianiello da fuori alto di un soffio. Il Frosinone sta crescendo e al 34′ giunge il pareggio. Cross da sinistra, testa di Troianiello respinta del portiere Da Costa ma Del Prete recupera sulla linea di fondo rimette ancora in mezzo e Mazzeo sul secondo palo schiaccia in rete di testa. Al 37′ va via Mastronunzio e Guidi lo atterra rimediando anche l’ammonizione. Sulla susseguente punizione battuta da De Falco sbuca in area alle spalle dei difensori Miramontes e di testa raddoppia. Il Tempo si chiude praticamente qui con l’Ancona meritatamente in vantaggio per le maggiori occasioni create contro un Frosinone comunque dignitoso. Nel secondo tempo al 7′ Cariello prende il posto di Basso ed il Frosinone si getta generosamente in avanti alla ricerca del pareggio. Gli uomini di Moriero provano due volte le conclusioni dal limite ma i tiri di Basha e di Gugher sono facili preda del portiere Da Costa. Al 20′ un gran sinistro di Cariello dal limite è alto di un niente. La partita si fa sempre più spigolosa e fioccano le ammonizioni. Subiscono il giallo nell’Ancona Surraco e Zavagno e tra i canarini Maietta e Gucher. Moriero sostituisce Mazzeo con Jefferson e nell’Ancona entra Schiattarella per Miramontes e il nuovo entrato si presenta subito con un gran diagonale dal limite che termina di poco fuori. Al 30′ nel Frosinone Aurelio per Troianiello e nell’Ancona Mustacchio per Surrago. Al 36′ Mastronunzio si libera bene in area ed è bravo Sicignano a respingere di piede. Al 38′ fallo di Gucher che subisce la seconda ammonizione e viene espulso. Nella circostanza vengono anche ammoniti Cosenza e Sicignano spintonatisi nella mischia che si è accesa a centrocampo. Al 40′ ammonito anche Aurelio. Partita sempre più spigolosa ed il Frosinone si getta ancora in avanto alla ricerca del pareggio anche se in dieci uomini. Al 41′ splendida azione di Bocchetti che si libera di due avversari e mette al centro un pallone delizioso su cui si avventa Del Prete, ma il portiere Da costa è bravissimo nel respingere. Al 47′ in pieno recupero contropiede dell’Ancona con Mastronunzio che libera De Falco solo in area per la terza rete che chiude praticamente l’incontro. Al fischio finale di Trefoloni gesto di stizza di Cariello che lancia il pallone verso l’arbitro e viene espulso. Seconda sconfitta dunque per il Frosinone in campionato al termine di una partita che è stata molto bella nel primo tempo e solo combattuta e molto spezzettata nella ripresa. Gli uomini di Moriero hanno subito, soprattutto nei primi venti minuti le iniziative di Mastronunzio e Colacone ed il pressing spesso asfissiante dei padroni di casa che non hanno permesso a Basha e Gucher di ragionare e quindi di impostare il proprio gioco. La squadra si è poi piano piano ripresa ed ha meglio contrastato i padroni di casa che però tutto sommato hanno conquistato la vittoria dimostrandosi una compagine ben preparata che predilige il gioco offensivo e non è mai rinunciataria. Buono l’arbitraggio di Trefoloni.

Cloud dei tag