notizie on line di Frosinone e provincia

Image

Ad agosto, nel centro storico di Alatri, si tiene il Festival del Folklore, una delle manifestazioni culturali più importanti della Ciociaria. Kermesse che ogni anno vede la presenza nella città di Alatri di gruppi provenienti da ogni angolo del mondo. Spettacoli serali nello splendido scenario di Piazza Santa Maria Maggiore, ma non solo.

Gruppi partecipanti provenienti da: Hawai, Cile, Daghestan, Taiwan, Georgia, Italia.
Piazza Santa Maria Maggiore.

PROGRAMMA:

– 12 agosto: cocktail di benvenuto e cerimonia di apertura;
– 13 agosto: spettacoli serali 21.00-24.00;
– 14 agosto: spettacoli serali 21.00-24.00;
– 15 agosto: spettacoli serali 21.00-24.00 cerimonia di chiusura.

Come ogni anno saranno previsti eventi collaterali tra cui: degustazione di prodotti tipici, preghiera dei popoli.

Il Festival Internazionale del Folklore di Alatri, dal 1970, ospita gruppi provenienti da ogni parte del mondo per realizzare incontri di tradizioni e culture diverse in un clima di amicizia e fratellanza fra i popoli. Il Festival è stato organizzato, negli anni precedenti, dal Gruppo Folkloristico “Aria di Casa Nostra”, fondato nel 1950 da Flavio Fiorletta, con lo scopo di mantenere vivo e diffondere lo schietto e genuino folklore ciociaro. Nel corso degli anni, il Gruppo ha partecipato alle più importanti manifestazioni folkloristiche d’Italia e d’Europa. E’ stato protagonista nelle maggiori rassegne di Portogallo, Spagna, Francia, Svizzera, Germania, Slovacchia, Croazia, Romania, Ungheria, Polonia, Grecia, Malta.

Il Festival nasce con lo scopo di incoraggiare l’aggregazione e lo scambio culturale e di amicizia fra i vari popoli, di rivolgere l’attenzione verso i valori della cultura tradizionale come le danze e le musiche che ogni popolo porta con sé, come entità sociale sicuramente e univocamente definita. Le esibizioni lungo i vicoli del centro cittadino coinvolgono tutti in un’aria di festa coinvolgente. Ma l’organizzazione, che vede la compartecipazione del gruppo folkloristico “Gli Paes’ Mei” e della storica Pro Loco, prevede tanti altri momenti di integrazione culturale, sociale e artistica.
L’ospitalità dei gruppi poi è garantita in una struttura modello, l’Ostello della Gioventù in Località Fraschette, che permette alle centinaia di artisti di poter usufruire di servizi all’avanguardia per una presenza nella città nel migliore dei modi. Ed infine l’aspetto dell’ospitalità ormai caratteristica primaria della città di Alatri ,che nella storica settimana festivaliera si conferma ad altissimi livelli. Insomma la città, pronta ad accogliere i danzerini da tutto il mondo, diventa il centro propulsivo della cultura folclorica della Provincia e Regione Lazio. Dopo la serata inaugurale e l’alza bandiera, una esibizione di tutti i gruppi ospiti apre la manifestazione. Durante i giorni del Festival, negli anni precedenti, veniva inaugurato “Il Villaggio dei Popoli”, spazio in cui ogni gruppo presentava la propria cultura, le tradizioni etnogastronomiche e i propri caratteristici prodotti artigianali, allo scopo di far conoscere in maniera diretta i prodotti delle proprie terre d’origine. Con la Preghiera dei Popoli, presso la Cattedrale di San Paolo Apostolo, è presente all’interno della manifestazione un momento di preghiera studiato appositamente per abbattere i confini fra le diverse culture religiose. Partecipano gruppi di tutto il mondo.
Il Gran Gala di chiusura e una nuova esibizione di tutti i gruppi concludono la manifestazione.

Comune Alatri Numero verde 800253323. 0775.4481 – 0775.448308.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: