notizie on line di Frosinone e provincia

Archivio per giugno, 2016

Beatrice Mercuri, mezzosoprano, impegnata il 10 giugno a Roma al Gianicolo al Bosco Parrasio.

Beatrice Mercuri mezzosopranoBeatrice Mercuri, mezzosoprano, impegnata il 10 giugno a Roma al Gianicolo al Bosco Parrasio  nel ruolo di Eco nella rara partitura di Scarlatti, recuperata da Lorenzo Tozzi, eseguita per la prima volta in assoluto, in occasione del terzo centenario della morte della Regina Maria Casimira di Polonia.

Un lavoro importante di ricostruzione, revisione e adattamento di Lorenzo Tozzi per produrre un prodotto eccellente, un concerto di nicchia per offrire al pubblico, per la prima volta in assoluto, l’ascolto di una rara partitura ritrovata del giovane Domenico Scarlatti: “Amor d’un’ombra e gelosia d’un’aura” ovvero “Eco e Narciso”. Venerdì 10 giugno alle ore 17 nel suggestivo Bosco Parrasio in via di Porta San Pancrazio 32 al Gianicolo, Beatrice Mercuri mezzosoprano nel ruolo di Eco, Angelo Bonazzoli sopranista nel ruolo di Narciso e il Romabarocca Ensemble, sotto la direzione di Lorenzo Tozzi, con i costumi di Ilaria Scullino dell’Accademia di Belle Arti Roma,  daranno vita all’importante esecuzione in forma di concerto, che sarà registrato dalla Bongiovanni di Bologna. L’evento organizzato in occasione del terzo centenario della morte della regina Maria Casimira di Polonia, gode del sostegno del l’accademia dell’Arcadia e il Museo del Palazzo del Re Giovanni III Sobieski a Wilanów (Varsavia), già residenza reale di Maria Casimira e Giovanni Sobieski e del patrocinio dell’Ambasciata di Polonia in Italia. “In mancanza della partitura dell’opera romana messa in scena il 20 gennaio 1714 nel Teatro domestico della Regina di Polonia Maria Casimira Sobieska a Palazzo Zuccari a Trinità dei Monti , composto e dedicato “alla Maestà Sua  da Carlo Sigismondo Capeci suo Segretario, fra gli Arcadi Metisto Olbiano, e posto in musica dal Sig. Domenico Scarlatti Maestro di Cappella di Sua Maestà” -ci spiegano – sono state recuperate, nell’ordine di apparizione originale dalla partitura inglese di Scarlatti su rimaneggiato libretto di Paolo Rolli (Londra. Haymarket, 1720) tutte le arie e i recitativi di Eco e Narciso (testo di Capece) successivamente riutilizzate”.

Beatrice Mercuri mezzosoprano (1)Un lavoro certosino e ben eseguito di quel che resta della partitura perduta “romana”, per un recupero importante nel panorama musicale. In caso di pioggia lo spettacolo si svolgerà alla Biblioteca Angelica, in piazza sant’Agostino. Personaggi e interpreti : Eco (ninfa sotto il nome di Aura) Beatrice Mercuri (mezzosoprano) ; Narciso Angelo Bonazzoli (sopranista).Oboe e flauto Carolina Pace; Violini Paolo Perrone, Ewa Augustynowicz;  Viola  Gianfranco Russo;  Violoncello  Matteo Scarpelli; Tiorba Stefano Maiorana; Cembalo e direzione  Lorenzo Tozzi.  Il concerto sarà introdotto dal professor Gaetano Platania  su “Maria Casimira Sobieska tra politica ed arte nella Roma di primo Settecento”.

Giovanna Speranza
Ufficio Stampa

La Fight Club Frasca di Cori trionfa al RiminiWellness.

panoramica Rmini Classic5 titoli nazionali nel kick boxing, più 1 medaglia d’argento e 1 medaglia di bronzo. Un 2° posto nel bodybuilding.

Exploit della Fight Club Frasca di Cori al RiminiWellness. L’Associazione Sportiva Dilettantistica guidata dal Presidente Lamberto Frasca è tornata dalla riviera romagnola con numerosi successi conquistati nel fine settimana nella più grande kermesse al mondo dedicata a fitness, benessere, sport e sana alimentazione.

Borsei, Balan, Pistilli, Loreti, FrascaAi campionati italiani di kick boxing i 4 giovani fighters finalisti della Fight Club allenati dal Maestro Michele Frasca hanno vinto 5 titoli nazionali: 3 nel Light Contact e 2 nel Kick Light. Sono saliti sui gradini più alti del podio: Sara Pistilli e Daniel Borsei, per entrambi 2 titoli in 2 diverse specialità, e Denis Balan (Light Contact).

Ma i ragazzi, per niente appagati, non si sono risparmiati ed hanno portato a casa anche 1 medaglia d’argento nel Kick Light, al collo dello stesso Denis Balan, ed 1 medaglia di bronzo nel Light Contact con Daniel Loreti al termine di un combattutissimo match.

Luigi PianelliSoddisfazioni per il team corese sono giunte anche dal bodybuilding. Al ‘Rimini Classic’ organizzato dalla federazione NBBUI Natural Body Builder’s Union of Italy – la Fight Club ha gareggiato tra i migliori atleti d’Italia con Francesco Frasca e Luigi Pianelli, già campioni italiani WBPF – World Bodybuilding & Physique Federation – e detentori della Coppa Italia 2016.

Francesco FrascaFrancesco Frasca, con la sua elegante e spettacolare routine di pose libere, ha ottenuto il 2° posto nella categoria h/p fino a 170cm e tra poche settimane sfiderà i giganti mondiali al Mister Universo IBFA – International Body Building & Fitness Association – di Sapri, dove nel 2015 è arrivato 2°. Il 4° posto di Luigi Pianelli nella categoria h/p fino a 180cm, ne conferma il costante miglioramento fisico e la sua crescente padronanza sul palco, al primo anno di competizioni.

RiminiWellness ha chiuso la sua 11^ edizione con numeri straordinari: 266.048 visitatori, (+30% degli stranieri, provenienti da circa 80 Paesi), 400 aziende da 50 nazioni, 16 padiglioni al completo, 20 km di costa in movimento, 45 palchi, 4 piscine, più di 500 presenter, un totale di 1960 tra ore di lezioni e masterclass, 196 convegni, seminari e attività di formazione, 64.000 like sulla pagina Facebook, con una copertura post nella settimana di 1,3 milioni.

“Quell’estate dei giovani”, un romanzo di Silvio Bordoni ambientato negli anni settanta.

Foto BordoniSilvio Bordoni, in questo suo recente romanzo pubblicato da LietoColle, Quell’estate dei giovani –La fabbrica, ha messo in atto le sue realtà intellettuali per recuperare alcuni momenti del passato e farli rivivere ai suoi lettori

La vicenda narrata si svolge negli anni ’70 e ripropone una storia che ha come scenario loccupazione di una fabbrica di calze.

Giovani, o ancora giovani –scrive Gabrio Vitali nella prefazione al libro – sono molti personaggi, soprattutto gli studenti e gli operai che si incontrano di continuo nelle pagine.” Ma l’estate di cui si parla nel titolo “ quella è colta nel suo finire, non nella sua esuberanza; ed è, invece, l’autunno con il suo raccoglimento e la sua malinconia, con il suo andarsene dei colori e dei vigori, che entra sempre più nel racconto e ne costituisce la cifra e, insieme, la piega mentale.”

Leggendo questo romanzo ci si accorge subito di come tutto risulti convincente: la storia, i personaggi, la scrittura. Una perfetta metafora esistenziale, insomma, e anche una preziosa testimonianza storica.

LietoColle

http://www.lietocolle.com/shop/collane-collana-rossa/bordoni-silvio-quellestate-dei-giovani/

Cloud dei tag